EUROCert


Vai ai contenuti

Radiazioni ottiche


Eurocemis esegue valutazioni del rischio sia da radiazioni ottiche naturali che artificiali .

Per maggiori informazioni o per un preventivo gratuito di spesa non esitate a contattarci :    Contatti

 

Di seguito si riporta breve informativa teorica inerente le radiazioni ottiche .

 

INTRODUZIONE

Alle radiazioni ottiche si associa quella porzione dello spettro elettromagnetico che va dall' ultravioletto ( UV ) all'infrarosso ( IR ), passando per il visibile ( VIS ).

 

 
 
- UV - Visibile e Infrarosso -
 
 
 
 
 
- Spettro elettromagnetico -
 
 
 

Le radiazioni ottiche possono essere prodotte sia da fonti naturali che artificiali . La sorgente naturale per eccellenza è il sole che , come è noto , emette in tutto lo spettro elettromagnetico . Le sorgenti artificiali , invece , possono essere di diversi tipi , a seconda del principale spettro di emissione e a seconda del tipo di fascio emesso ( coerente o incoerente ). Per quanto riguarda lo spettro di emissione , oltre all' ampia gamma di lampade per l' illuminazione che emettono principalmente nel visibile , esistono lampade ad UVC per la sterilizzazione , ad UVB - UVA per l' abbronzatura o la fototerapia , ad UVA per la polimerizzazione o ad IRA - IRB per il riscaldamento .

 

 

 

 

 

- Alcuni spettri ottici caratteristici -

 

 

 

Tutte le precedenti lampade emettono luce di tipo incoerente , mentre , nel caso dei laser , si è in presenza di sorgenti monocromatiche ( una sola lunghezza d' onda ), con fascio di elevata densità di energia , altamente direzionali e , appunto , coerenti ( la fase di ciascun fotone viene mantenuta nel tempo e nello spazio ). La possibilità di focalizzare un fascio di questo tipo anche a grandi distanze impone un certa cautela nell' utilizzo dei laser e , in molti casi , l' obbligo di adeguate misure di protezione per coloro che ne possono venire a contatto . Da qui la necessità di suddividere i laser in 4 classi , che vanno dalla classe 1 , in cui non è pericolosa l’osservazione prolungata e diretta del fascio , alla classe 4 , in cui è pericolosa anche l’osservazione della luce diffusa da uno schermo .
 

 

EFFETTI SULLA SALUTE

I principali rischi per l' uomo derivanti da un' eccessiva esposizione a radiazioni ottiche riguardano essenzialmente due organi bersaglio , l' occhio in tutte le sue parti ( cornea , cristallino e retina ) e la cute .

 

 

 

- Interazione delle radiazioni ottiche con l'occhio : livelli di profondità delle diverse componenti -

 

 

- Interazione delle radiazioni ottiche con la cute : livelli di profondità delle diverse componenti -

 

 

 

 

Come per le radiazioni ionizzanti , i danni procurati a tali organi possono avere un ben preciso rapporto di causa - effetto , cioè è possibile stimare una dose soglia affinché il danno si manifesti ( effetto deterministico ), oppure può non esserci una correlazione tra causa ed effetto ed allora si parla di effetto stocastico . Non tutte le lunghezze d' onda appartenenti alle radiazioni ottiche , inoltre, hanno gli stessi effetti su occhio e cute , come mostrato nella tabella sottostante .

 

 

 

RADIAZIONE OTTICA

OCCHIO

CUTE

 ULTRAVIOLETTO

fotocheratocongiuntivite ( UVB -UVC ), cataratta fotochimica         ( UVB )
 
eritema ( UVB - UVC ), sensibilizzazione ( UVA - UVB ), fotoinvecchiamento ( UVC - UVB - UVA ), cancerogenesi ( UVB - UVA )

 VISIBILE

 fotoretinite ( in particolare da luce blu , 380-550 nm )  fotodermatosi

 INFRAROSSO

ustioni corneali ( IRC - IRB ), cataratta termica ( IRB - IRA ), danno termico retinico ( IRA )
 
vasodilatazione , eritema , ustioni 

 

 

- effetti dell'interazione delle radiazioni ottiche con occhio e cute -

 

 

 

Nel caso in cui la sorgente luminosa sia rappresentata da un laser , gli effetti sopra riportati risultano , nella maggior parte dei casi , amplificati e spesso irreversibili . Questo è dovuto alle caratteristiche che un fascio laser possiede . Anche per questo si parla spesso di rischi indiretti da laser , come incendi ed esplosioni . Un discorso a parte meritano le sorgenti ( laser o non ) di luce blu ( 380 - 550 nm) e quelle di IRA . Entrambe queste lunghezze d' onda vengono focalizzate dall' occhio e pertanto contribuiscono alla dose assorbita dalla retina . La luce blu viene spesso sottovalutata in quanto appartenente allo spettro di luce visibile e quindi erroneamente considerata " sicura ". Le sorgenti di IRA , invece , pur giungendo fino alla retina , risultano " invisibili " e quindi, in presenza di una loro forte intensità , non vengono minimamente ostacolate da quei meccanismi istintivi come il riflesso palpebrale o quello di allontanamento .

 

INCIDENZA

E' molto difficile avere stime attendibili sull' incidenza di infortuni professionali dovuti all'esposizione a radiazioni ottiche . Questo lo si può capire se si pensa principalmente a due ragioni . La prima è che , a parte alcune eccezioni ( eritema o ustioni ), gli effetti non sono immediatamente riscontrabili . La seconda è che ogni giorno ciascuno di noi è esposto alla luce , sia artificiale che solare , in dosi difficilmente quantificabili e secondo modalità ( luce diretta o diffusa ) estremamente disomogenee . Ad ogni modo patologie come i tumori della pelle , tra cui il melanoma , sono ormai da tutti riconosciute fortemente dipendenti dall' esposizione a radiazione ottica ultravioletta . Nel caso dei laser , invece , le lesioni si manifestano molto più velocemente ed è per questo che , nel loro maneggiamento , il personale è tradizionalmente più cauto ( e di solito anche più formato ) e gli incidenti meno probabili .

 

I PRINCIPI DELLA PREVENZIONE

  • Valutare le radiazioni ottiche secondo le metodologie proposte dall'IEC per quanto riguarda i laser e le raccomandazioni del CIE e del CEN per quanto riguarda le sorgenti incoerenti .

  • Considerare eventuali lavoratori particolarmente sensibili ( ad esempio senza cristallino ) o sensibilizzati (che usano sostanze chimiche fotosensibilizzanti ).

  • Risanare , se necessario , l'ambiente di lavoro per minimizzare i livelli di esposizione .

  • Proteggere il lavoratore mediante dispositivi di protezioni individuali ( occhiali e indumenti idonei ).

 
 
Esempi di misure per la stima del rischio da Radiazioni Ottiche Artificiali ( ROA )

 

 
 

NORMATIVA VIGENTE

Fermo restando quanto affermato dall'art. 18 , e ribadito relativamente agli agenti fisici dall'art. 181 , circa gli adempimenti del datore di lavoro in merito alla valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza , inclusi quelli derivanti dalle radiazioni ottiche artificiali , il Capo V è entrato in vigore il giorno 26/04/2010 . Il Capo V del D.Lgs 81 / 08 stabilisce le prescrizioni minime di protezione per i lavoratori contro i rischi per la salute e per la sicurezza derivanti dall' esposizione alle radiazioni ottiche artificiali durante il lavoro . Questo significa che non si fa nessun riferimento a tutte quelle categorie di lavoratori esposti , per adempiere ad una determinata mansione , a radiazioni solari . E' buona prassi , qualora fosse necessario , valutare anche questo tipo di esposizione , così come qualsiasi altro rischio per la salute e la sicurezza del lavoratore ( art. 28 comma 1 del D.Lgs 81 / 08 ). I limiti di esposizione a radiazioni ottiche ( coerenti e incoerenti ) sono riportati nell' allegato XXXVII del Testo Unico in materia di sicurezza ( D.Lgs. 81 / 08 ).
 
 
 
Eurocemis da anni esegue valutazioni del rischio da esposizioni a Radiazioni Ottiche Artificiali ( ROA ).
Elenchiamo solo alcuni esempi di sorgenti valutate dai tecnici Eurocemis :
 
 
SORGENTI NON COERENTI :
 
 
- saldatrice a filo ( MIG );
 
- saldatrice TIG ;
 
- saldatrice a Elettrodo ;
 
- saldatrice per operazioni di Brasatura ;
 
- impianto robotizzato di saldatura a TIG;
 
- puntatrice ;
 
- saldatrice " sparachiodi ";
 
- saldatrice Ossiacetilenica ;
 
- apparecchiatura per taglio al Plasma ;
 
- lampada Ultravioletta ( UV ) per indurimento / incollaggio ;
 
- lampada di Wood ;
 
- lampada Ultravioletta ( UV ) per controllo di qualità ( pelle , plastica , ecc.);
 
- spettrofotometro ( UV - VIS );
 
- lampada Ultravioletta ( UV - C ) per funzioni germicide ( acquario , depuratore ,ecc.);
 
- lampada insetticida ( per ambiente asettico );
 
- lampada Infrarossi ( IR ) per preriscaldamento / rammollimento materiali ( cavi , gomme , schede elettroniche , ecc.);
 
- forno riattivatore munito di lampade Infrarosse ( IR ) ( riattivazione colla nelle industrie di calzature , ecc.);
 
- lampada Infrarossi ( IR ) per asciugatura stucco ;

- irraggiatori a Infrarossi ( IR ) per riscaldamento ambienti di lavoro ;
 
- Solar Box ( simulatore di invecchiamento );
 
 
 
 
 
 
- lampade ultraviolette ( UV ) utilizzate negli impianti di depurazione ( depuratori ) -
 
 

 

 

Eurocemis esegue misurazioni e valutazioni di Radiazioni Ottiche Artificiali (ROA) negli Ospedali e Studi Dentistici.

Ad esempio, negli studi dentistici si possono trovare lampade per l'indurimento della pasta dentale (vedi foto seguente):

 

 

 

 
 
 
 
SORGENTI COERENTI ( LASER ):
 
 
- dispositivo di lettura codici a barre ( bar-code );
 
- dispositivo Laser di sicurezza a bordo macchina ;
 
- macchina per taglio al Laser ;
 
- controllo integrità utensili tramite raggio Laser ( macchine utensili );
 
- livella Laser ;
 
- macchina per serigrafia al Laser ;
 
- macchina per fabbricazione semiconduttori ( celle fotovoltaiche , ecc.);
 
- saldatrice al Laser ( microsaldature );
 

 

 

Di seguito è possibile visualizzare un interessante video del taglio automatico di lamiera con tecnologia Laser di Classe 4 :

 

 

VIDEO taglio lamiera al Laser

 
 
 

RADIAZIONI OTTICHE NATURALI

Il Decreto 81 ( Testo Unico per la sicurezza sul lavoro) tratta la valutazione del Rischio da Radiazioni Ottiche Artificiali ( ROA ).

Nel Testo Unico non viene quindi citato esplicitamente il rischio derivante da Radiazioni Ottiche di origine naturale e quindi NON artificiale . Trattasi principalmente delle radiazioni solari e degli effetti sulla salute della popolazione e dei lavoratori .

 

Allo stesso tempo, tenendo presente che il Decreto 81 dice che il datore di lavoro deve valutare TUTTI i rischi , risulta che nelle attività che comportano un' esposizione dei lavoratori alla luce solare non trascurabile , bisogna valutare anche tale rischio ( radiazioni ottiche naturali ). Si fa riferimento, ad esempio, ad attività quali:

 

 

 

- Giardiniere        - Muratore        - Insegnanti di Educazione Fisica        - Contadino        - Bagnino        - Operaio edile

 

- Istruttore di sci

 

 

 

 

Si riporta di seguito una breve indagine internazionale sull' esposizione alla radiazione UV solare durante l' attività lavorativa:

 

 

 

ESPOSIZIONE ALLA RADIAZIONE UV SOLARE DURANTE L' ATTIVITA' LAVORATIVA 

 

 

 

 

 
Eurocemis è in grado di eseguire valutazioni del rischio da esposizioni a Radiazioni Ottiche Naturali ( Radiazione solare ).
 
 
 
 
 
 

SICUREZZA FOTOBIOLOGICA DELLE LAMPADE E SISTEMI DI LAMPADE ( CEI EN 62471 )

La recente norma internazionale CEI EN 62471 dal titolo: " Sicurezza fotobiologica delle lampade e sitemi di lampade "  permette una caratterizzazione del gruppo di rischio a cui appartiene una sorgente luminosa .

 

Con l'avvento dei nuovi sistemi di illuminazione a LED l'argomento è ancor più delicato e di notevole importanza .

 

Si riporta di seguito un tipico spettro di una sorgente luminosa a LED ( LED con emissione di luce bianca ) , nel range del visibile :


 

 

 

 

 

Spesso i LED emettono una luce intensa di colore bianco . In tali casi, considerando un' analisi spettrale (come da figura sopra), si vede che si ha un picco sul blu . A volte è proprio tale componente che può essere potenzialmente pericolosa ed è quindi da tenere in debita considerazione .


I principali rischi per l'uomo derivanti da un' eccessiva esposizione a sistemi di illuminazione ( radiazioni ottiche ) riguardano essenzialmente due organi bersaglio : l' occhio in tutte le sue parti ( cornea , cristallino e retina ) e la cute .

 

Il soddisfacimento della norma CEI EN 62471 garantisce che l' esposizione agli effetti nocivi dei sistemi di illuminazione degli occhi e della cute comporti un rischio accettabile .

 

 

 

 

 

 

MISURE DI IRRAGGIAMENTO SU SORGENTI POTENZIALMENTE PERICOLOSE ALL' OCCHIO

I tecnici Eurocemis eseguono misure di Irraggiamento su apparecchiature / dispositivi che possono essere fonte di radiazioni ottiche artificiali potenzialmente pericolose e che quindi necessitano di una valutazione del rischio .

 

Citiamo, solo a titolo di esempio, la Norma CEI EN 60335-2-109 dal titolo : " Sicurezza degli apparecchi elettrici di uso domestico e similare . Parte 2 : Norme particolari per apparecchi di trattamento delle acque con radiazioni UV " . Tale norma prescrive che gli apparecchi di trattamento delle acque con radiazioni UV ( utilizzati ad esempio negli acquari o nei laghetti da giardino ) devono avere un irraggiamento totale non superiore a 0.003 W/m2 per lunghezze d'onda comprese tra 200 nm e 280 nm .

 

 

A livello internazionale si incontrano anche altre normative che regolamentano tali apparecchiature . Citiamo, per esempio, la Norma americana UL 979 " water treatment appliances " che prescrive il test denominato " Ultraviolet Irradiance Test ".

 

 

 

Per maggiori informazioni o per un preventivo gratuito di spesa non esitate a contattarci :    Contatti

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 

 

 

 

 

Home Page | Marcatura CE | Campi elettromagnetici | Radiazioni ottiche | Attività specifiche | Download | Referenze e clienti | Contatti | Mappa del sito


Eurocemis - Associazione tra Professionisti |  

Torna ai contenuti | Torna al menu