EUROCert


Vai ai contenuti

Attività specifiche


 

SICUREZZA IN AMBIENTE DI LAVORO – D.LGS 81/2008

Il D.Lgs 81/2008 obbliga il datore di lavoro di ogni azienda con almeno un dipendente alla redazione del Documento di Valutazione dei Rischi ( DVR ).

Eurocemis è consulente di un cospicuo numero di aziende in ambito Sicurezza in Ambiente di Lavoro . Svolge una consulenza completa anche nella valutazione di rischi ad alta specializzazione quali il Rischio Elettromagnetico , Rischio Rumore , Rischio Vibrazioni , Rischio da Radiazioni Ottiche Artificiali ( R.O.A. ) , Rischio da Agenti Cancerogeni , Mutageni e presenza di Amianto e i Rischi da Agenti Chimici e Biologici . Dispone di una rete di laboratori che sono in grado di supportare la consulenza con analisi specialistiche in ambito chimico , biologico , polveri ed emissioni .

 

Eurocemis esegue analisi del rischio ai fini dell' adeguamento di macchinari non a norma oppure di non recente costruzione e provvede alla realizzazione di " schede macchina " da collocare nei pressi di ogni singola macchina .

Eurocemis ha specifiche esperienze nel settore elettromeccanico , meccanico , edile , commerciale , della logistica e trasporti , dell’ industria del legno , dei depuratori e del terziario .

 

Eurocemis inoltre offre alla sua clientela il Servizio di Prevenzione e Protezione ( RSPP ). I tecnici Eurocemis possono quindi assumere l' incarico di RSPP esterno .



 

 

ANALISI DEL RISCHIO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN PROSSIMITA' DI SISTEMI DI SALDATURA

 

 

Eurocemis esegue analisi del rischio in prossimità di sistemi di saldatura , anche ai fini di valutare l'esposizione dei lavoratori ai Campi Elettromagnetici ( CEM ).

Come si evince dai seguenti tre esempi , a seconda del tipo di saldatura si ha una differente emissione di campi elettromagnetici da parte dell' apparecchiatura .

In molti casi si devono misurare campi elettromagnetici intensi e che vengono generati a molteplici frequenze ( si ha uno spettro elettromagnetico ricco di armoniche ).

E' quindi comprensibile che le misurazioni richiedono molta preparazione ed esperienza del tecnico rilevatore e strumentazione possibilmente a banda stretta , che permetta di valutare ogni singola frequenza e il relativo contributo al campo elettromagnetico .

 

 

 

 

Sorgente : puntatrice mobile / pensile ( a mano )

 

 

 

     

 

 

 

 

 

 

Campo Elettrico misurato :

 

 

 

     

 

Induzione magnetica misurata :

 

 

       

 

 

 

Sorgente : saldatrice a rullo

 

 

 

      

 

 

 

 

Induzione magnetica misurata :

 

 

     

 

 

 

 

Sorgente : saldatrice a filo ( MIG - MAG )

 

 

 

                 

 

 

 

 

Induzione magnetica misurata :

 

 

 

      

 

 



CLASSIFICAZIONE DELLE MACCHINE IN BASE AI LIVELLI DI EMISSIONE DI RADIAZIONI

Ogni macchinario deve essere classificato in base ai livelli di emissione di radiazioni .

Le norme europee di riferimento sono la UNI EN 12198 - 1 e la UNI EN 12198 - 2.

Le tipologie di radiazione da valutare sono le seguenti :

  • campi elettromagnetici a bassa frequenza emessi dal macchinario ;

  • campi elettromagnetici a radiofrequenza ;

  • radiazione ottica del tipo infrarosso ( IR ) ;

  • radiazione ottica del tipo visibile ( VIS );

  • radiazione ottica del tipo ultravioletto ( UV ).

Eurocemis esegue tale attività specifica , rivolta in modo particolare ai costruttori di macchinari e apparecchiature che sono fonte di radiazioni non ionizzanti ( campi elettromagnetici e radiazioni ottiche ). Un esempio è costituito dai costruttori di macchinari e attrezzature per la saldatura e la saldo - brasatura .

A seconda dei valori di radiazione emessa dal macchinario , questo verrà classificato in tre possibili categorie :

  • Categoria 0 : è la categoria più bassa e che si riferisce a una valore minimo di emissione di radiazioni non ionizzanti . Non è prevista alcuna restrizione e non è necessario alcuna informazione e / o addestramento .

  • Categoria 1 : trattasi di una categoria intermedia . Possono essere necessarie alcune limitazioni all'accesso al macchinario ed eventuali misure di protezione ( ad esempio schermi ). E' consigliabile inoltre redigere opportuni documenti informativi su pericoli , rischi ed effetti secondari .

  • Categoria 2 : trattasi della categoria più elevata e pericolosa . Sono obbligatorie delle restrizioni speciali e misure di protezione .  E' necessario inoltre redigere opportuni documenti informativi su pericoli , rischi ed effetti secondari . In quest'u ltimo caso potrebbe essere necessario un addestramento specifico del personale .
     

A seguito della valutazione e della classificazione del macchinario , si potrà eventualmente raccomandare di applicare i seguenti pittogrammi rappresentativi rispettivamente del pericolo da elevati campi elettromagnetici e radiazioni ottiche .
 

                                                                                     

 

 

 

 

 

MISURE DI LUMINOSITA’

Eurocemis esegue indagini tecniche di luminosità in ambiente di lavoro sia all’ interno che all’ esterno in conformità alla normativa EN 12464 - 1/2 .

 

 

 

 

 

 

 

PERIZIE TECNICHE E CONSULENZE TECNICHE DI PARTE ( C.T.P. )

Eurocemis esegue perizie tecniche e offre un servizio di consulenza tecnica di parte anche in ambito legale .

 

Esempi di consulenze tecniche di parte portate a termine da Eurocemis :

 

- perizia su incendio di bicicletta elettrica avvenuto durante fase di ricarica di batterie al Litio ;

 

- perizia inerente la corretta fornitura di un impianto di estrazione ghiaia su draga galleggiante ;

 

- perizie sui vizi di impianti di verniciatura a secco di nuova fornitura e relative cabine di essicatura ( corrette temperature non raggiunte , problematiche legate alla corretta portata d' aria in ingresso e in uscita alla cabina di verniciatura , ecc.);

 

- perizie su vizi di impianti fotovoltaici (calo dell'efficienza, anomalie agli inverter , incendi , ecc.).

 

 

 

 

 

 

 

DECLASSAMENTO DELLA CLASSE LASER DI UN MACCHINARIO

La classe di una sorgente Laser presente all'interno di un macchinario ( ad esempio sorgente Laser di Classe 4 presente in una postazione di taglio lamiera ) in molti casi è diversa dalla classe del macchinario stesso . Questo perché la presenza degli involucri e protezioni a corredo del macchinario fanno si che la probabilità di contatto con la sorgente Laser diminuisca . Conseguentemente molto spesso la classe del macchinario è minore della classe della sorgente Laser che vi è contenuta .

Da vari sopralluoghi aziendali eseguiti dai tecnici Eurocemis , spesso si rileva che tali operazioni di declassamento non sempre vengono eseguiti in maniera corretta e sicura .

Ad esempio si riscontrano postazioni di lavoro prive di segnaletica di sicurezza , o con porte di accesso prive di microinterruttori di sicurezza , oppure ancora casi in cui l'azionamento della sorgente Laser non viene preceduto da una segnalazione acustico - luminosa , ecc.

 

 

 

                                           

 

 

 

I tecnici Eurocemis sono in grado di eseguire una corretta valutazione del declassamento del macchinario e , nel caso di rilevamento di non conformità , prescrivere le azioni da intraprendere ai fini di un successivo adeguamento .

 

 

 

Di seguito è possibile visualizzare un interessante video del taglio automatico di lamiera con tecnologia Laser di Classe 4 :

 

 

VIDEO taglio lamiera al Laser

 

 

 

 

 

 

 

 

CORSI DI FORMAZIONE

Eurocemis assicura supporto in ambito formativo , proponendo corsi " a catalogo " oppure tagliati sull'esigenza del cliente .


Si riportano alcuni titoli di Corsi tenuti dai tecnici Eurocemis :

 

 

- corso di aggiornamento per RSPP - Il rischio esposizione campi elettromagnetici ;

 

- corso sull' utilizzo della strumentazione Narda - PMM per la misurazione di campi elettromagnetici ;

 

- valutazione del rischio da Radiazioni Ottiche Artificiali ( R.O.A. ) in ambiente di lavoro ;

 

- la Direttiva 2013/35/UE sulla protezione dei lavoratori dai campi elettromagnetici ;

 

- la valutazione dell' incertezza nelle misurazioni ;

 

- la sicurezza degli apparecchi elettrici d' uso domestico e similare ;

 

- valutazione dei rischi legati all' esposizione ai campi elettromagnetici ;

 

- la marcatura CE delle porte e cancelli industriali , commerciali e da garage .

 

 

 

In ambito sicurezza negli ambienti di lavoro ( Decreto Legislativo n° 81 del 2008 ) e anche a seguito dell' accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 sulla formazione dei lavoratori e dal titolo : " Accordo tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali , il Ministro della Salute , le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la Formazione dei Lavoratori ai sensi dell' Articolo 37 , Comma 2 , del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 , n. 81 ", i tecnici Eurocemis svolgono il ruolo di docente ed eventualmente anche di assistenza all' organizzazione di detti corsi obbligatori . Nello specifico , si eseguono docenze per i seguenti Corsi :

 

 

- n° 04 ore di corso base di formazione generale per tutti i settori ;

 

- n° 04 - 08 - 12 ore di formazione specifica a seconda della classe di rischio ( Codice ATECO );

 

- n° 08 ore di formazione specifica per Preposti .

 

 

 

 

 

 

STUDIO E PROGETTAZIONE DI SCHERMATURE DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

Eurocemis esegue studi e progettazioni di soluzioni schermanti , qualora si riscontrassero dei luoghi di permanenza di popolazione e /o  lavoratori in cui si riscontrano dei valori elevati di campo elettromagnetico .

 

 

Le azioni di schermatura possono essere attuate in fase preventiva ( quasi sempre nel caso di nuove costruzioni o di ristrutturazioni ) o a posteriori ( azioni di " bonifica " da siti inquinati dal punto di vista elettromagnetico ).

 

Si riporta un interessante studio pratico di efficienza di schermatura :

 

 

Studio teorico / pratico dell' efficienza di schermatura

 

 

 

Molto valide le conclusioni , e in particolare il fatto che se si è nei pressi dello schermo allora è più efficace il materiale ferromagnetico ( ferro ), mentre a distanze maggiori prevale il beneficio del materiale conduttore ( alluminio ). A maggiori distanze si attenua infatti l' azione di deviazione delle linee di forza del campo magnetico da parte del ferro .

 

 

Si riportano alcuni casi di lavoro studiati e portati a termine dagli ingegneri Eurocemis :

 

 

- progettazione di schermatura del soffitto di cabina elettrica ( MT/BT ) integrata in edificio al cui piano superiore sono presenti studi

  medici ;

 

- progettazione di schermatura di un tetto di abitazione presente sotto una linea di alta tensione a 132 kV ;
 

- progetto e successiva posa di schermatura di pavimento di locali uffici, interessati dall'attraversamento di cavi elettrici di portata

  elevata ( cavi elettrici transitanti sotto il pavimento flottante ) ( foto seguente ).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MISURAZIONI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI NEI PRESSI DI SISTEMI ANTITACCHEGGIO

 

Sempre più spesso , specie nelle attività commerciali , vengono utilizzate barriere antitaccheggio per evitare furti da parte della clientela . Tali sistemi sono presenti nei centri commerciali , nei supermercati , nelle biblioteche , ecc.

 

Tali sistemi emettono campi elettromagnetici che a volte sono tutt'altro che trascurabili , specie per le persone che stazionano nelle immediate vicinanze .

 

Eurocemis esegue misurazioni di campo elettromagnetico nei pressi di barriere antitaccheggio , effettuando anche l' analisi dei rischi per il personale ( ad esempio commesse di banco o addette alla cassa di supermercati ) che può trovarsi nelle vicinanze di tali dispositivi .

Il risultato della valutazione può portare ad una diminuzione della potenza delle barriere pur garantendo la loro utilità / funzionalità ( in termini tecnici si parla anche di " ottimizzazione della potenza di trasmissione delle barriere ") o semplicemente a raccomandare l' apposizione di pittogrammi che segnalino la presenza di fonti di campi elettromagnetici o di prevedere dei percorsi alternativi di passaggio per i soggetti particolarmente sensibili ai rischi da effetti acuti da Campi Elettromagnetici ( ad esempio : portatori di pace maker , protesi metalliche , ecc.).

 

 

 

 

 

 

Come si evince dai seguenti esempi , non tutte le barriere antitaccheggio ( EAS = Electronic Article Surveillance ) funzionano alla stessa frequenza e quindi i limiti di legge applicabili ( che variano al variare della frequenza ) non sono sempre gli stessi . In linea di massima , all' aumentare della frequenza di funzionamento della barriera antitaccheggio i limiti si abbassano . Non bisogna sottovalutare poi la parte dove è installato e viene utilizzato lo smagnetizzatore . Questo accessorio molte volte è meno evidente e viene installato nelle vicinanze dell ' operatore .

E' quindi comprensibile che le misurazioni richiedono molta preparazione ed esperienza del tecnico rilevatore e strumentazione possibilmente a banda stretta , che permetta di valutare ogni singola frequenza e il relativo contributo al campo elettromagnetico .

 

 

 

 

 

 

Sorgente : barriera antitaccheggio con frequenza di funzionamento pari a : f = 220 Hz

 

 

 

Induzione magnetica misurata :

 

 

     

 

 

Tale misurazione è stata eseguita tra le due barriere ( si noti il valore dell ' Induzione Magnetica a 220 Hz pari a circa 121 µT ).

 

 

 

 

 

 

 

 

Sorgente : smagnetizzatore con frequenza di funzionamento pari a : f = 50 Hz (associato alla

               barriera antitaccheggio con frequenza di funzionamento pari a : f = 220 Hz )

 

 

 

 

Induzione magnetica misurata :

 

 

     

     

 

Tale misurazione è stata eseguita in prossimità dell'area di smagnetizzazione ( si noti il valore dell ' Induzione Magnetica a 50 Hz pari a 490 µT ).

 

 

 

 

 

 

 

Sorgente : barriera antitaccheggio con frequenza di funzionamento pari a : f = 344 Hz

 

 

 

Induzione magnetica misurata :

 

 

      

     

 

 

Tale misurazione è stata eseguita tra le due barriere ( si noti il valore dell ' Induzione Magnetica a 344 Hz pari a circa 98 µT ).

 

 

 

 

 

      

PROTEZIONE CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE ( FULMINI ) : ANALISI DEL RISCHIO

 

 

 

I tecnici Eurocemis sono in grado di valutare il rischio da scariche atmosferiche.

 

 

 

I riferimenti legislativi e normativi del settore sono i seguenti :

 

 

 

 

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

D . Lgs . 81 / 2008 Testo unico per la sicurezza sui luoghi di lavoro

RIFERIMENTI NORMATIVI

CEI 81 - 10 / 1 ( EN 62305-1 ): " Protezione contro i fulmini . Parte 1 : Principi Generali " Aprile 2006 ; Variante V1 ( Settembre 2008 )

CEI 81-10 / 2 ( EN 62305-2 ): " Protezione contro i fulmini . Parte 2 : Valutazione del rischio " Aprile 2006 ;             Variante V1 ( Settembre 2008 )

CEI 81-10 / 3 ( EN 62305-3 ): " Protezione contro i fulmini . Parte 3 : Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone " Aprile 2006 ; Variante V1 ( Settembre 2008 )

CEI 81-10 / 4 ( EN 62305-4 ): " Protezione contro i fulmini . Parte 4 : Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture " Aprile 2006 ; Variante V1 ( Settembre 2008 )

CEI 81-3 :       " Valori medi del numero dei fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato dei Comuni d'Italia , in ordine alfabetico "     Maggio 1999

CEI 64-8 – Sesta  edizione – data: 2007/09 – fascicolo Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

         

Home Page | Marcatura CE | Campi elettromagnetici | Radiazioni ottiche | Attività specifiche | Download | Referenze/clienti | Contatti | Mappa del sito


Eurocemis - Associazione tra Professionisti |  

Torna ai contenuti | Torna al menu